domenica , 28 Novembre 2021
  • SDA Game: Work as you play. Play as you work

    di FLORIANO MILESI e OTHILLE Ti arriva un messaggio, devi correre in un punto imprecisato che non conosci. La strada è buia e nebbiosa, e i pericoli tanti. Se sei riuscito ad arrivare a destinazione, avrai spiegazioni sommarie in una lingua strana e dovrai fare cose che non sai fare. Alcuni muoiono strada facendo, altri schiacciati vicino a te, ma il premio è succoso e allettante. Non stiamo parlando di una nota serie Netflix: sei un richiedente asilo e stai …

    continua a leggere
  • Per Yaya Yafa: logistica, migranti e i limiti del sindacato

  • Un lavoretto alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

  • Sciopero del lavoro migrante all’SDA. Un’intervista di Radio Blackout

    Pubblichiamo la trascrizione di un’intervista a Radio Blackout rilasciata da un compagno del coordinamento migranti interporto, tra i protagonisti dello sciopero che ha coinvolto il magazzino SDA di Bologna lo scorso fine settimana, e da Lorenzo del Coordinamento migranti Bologna. Tra venerdì e lunedì è avvenuto all’hub SDA dell’Interporto di Bologna un fatto inedito: il primo sciopero autorganizzato da parte dei lavoratori migranti e richiedenti asilo somministrati dalle agenzie nei magazzini della logistica. Lo sciopero ha seguito di poche settimane …

    continua a leggere
  • GKN: la (nostra) marcia dei quarantamila?

  • Sullo sciopero contro Amazon e il suo algoritmo dello sfruttamento

  • Chi dice donna? Perché la dice? Dove la dice?

    «Why can’t we say woman anymore?» (Perché non possiamo più dire donna?) è il titolo di un articolo di Rosie DiManno condiviso su Twitter da Margaret Atwood qualche giorno fa. La condivisione dell’articolo, pubblicato sul quotidiano canadese «Toronto Star» (#1 e #2), ha suscitato aspre reazioni che allineano Atwood a J.K. Rowling tra le fila del femminismo radicale transescludente. L’articolo in questione lamenta la scomparsa del termine «donna» dal linguaggio usato dalle istituzioni per parlare di diritti riproduttivi, e segnala …

    continua a leggere
  • L’astratta concretezza di Julie Mehretu

  • Sette tesi sul mutamento climatico e il regime ecologico di accumulazione del capitale

  • Iconografie cinesi

    di FELICE MOMETTI A volte le immagini dicono più di tante teorie e analisi politiche. Dopo quattro giorni a porte chiuse, il sesto plenum del 19° Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese ha approvato una risoluzione che l’agenzia stampa ufficiale Xinhua ha definito storica. Come i media cinesi ripetono ormai da alcuni mesi, nei cento anni di storia del PCC solo in altre due occasioni ci sono state delle risoluzioni dello stesso livello e della stessa importanza. La prima nel …

    continua a leggere
  • I dolori del giovane Renzi

  • Il fastidio del normalista normale

  • La crisi attuale non è poi così nuova per le lavoratrici e i lavoratori dell’Est Europa

    di ЛевФем / LEVFEM da «Lefteast» Pubblichiamo la traduzione italiana di un testo del collettivo femminista bulgaro LevFem, scritto in occasione del Primo Maggio, che discute la congiuntura attuale dalla prospettiva est-europea. A partire dalle lotte in corso e dai tentativi di lavoratrici e lavoratori est-europei di sottrarsi alla falsa alternativa tra lavoro e salute che il capitale pandemico cerca di imporre, l’articolo offre un punto di vista eccentrico ma cruciale per articolare un’iniziativa politica transnazionale. *** Quest’anno il primo …

    continua a leggere
  • Governance e conflitto sociale nel tempo della pandemia

  • Covid-19: l’Occidente spiazzato guarda a Oriente