venerdì , 22 Ottobre 2021

∫connessioni globali

Note da una ‘sala d’attesa’ nella ‘Digital India’: gli Stati, il Covid19 e il rifiuto

di ISHITA DEY → English Pubblichiamo un breve contributo sulla situazione nell’India sconvolta dalla pandemia, scritto per ∫connessioni precarie da Ishita Dey, assistant professor al Dipartimento di Sociologia della South Asian University a New Delhi. Il governo centrale del nazionalista hindu e integralista del mercato Narendra Modi ha affrontato la ‘prima ondata’ della pandemia imponendo nel giro poche ore un …

continua a leggere

Per una lotta transnazionale contro l’oppressione dei palestinesi da parte dello Stato di Israele. Intervista a un attivista di Not in Our Name

Pubblichiamo un’intervista ad Alessandro Fishman Rotmensz, attivista a Gerusalemme e tra i firmatari del comunicato Not in Our Name, con il quale giovani ebrei ed ebree italiane hanno condannato pubblicamente le politiche di apartheid e razziste del governo israeliano, i bombardamenti su Gaza e il tentativo di legittimarli nel nome di tutti gli ebrei del mondo. L’intervista mostra che Not …

continua a leggere

Lottare contro il contrattacco patriarcale in Bulgaria. Intervista a Kalina Drenska (collettivo LevFem)

di TRANSNATIONAL SOCIAL STRIKE PLATFORM → English L’attacco patriarcale alle donne contenuto nella decisione di Erdogan di ritirarsi dalla Convenzione di Istanbul non è un evento isolato ma sta accadendo in altri paesi europei e non europei: ecco perché il 1 luglio 2021 E.A.S.T. ‒ Essential Autonomous Struggles Transnational chiama a una giornata transnazionale di mobilitazione. La Polonia ha praticamente …

continua a leggere

Processo costituente e sciopero femminista in Cile. Un’intervista a Karina Nohales (CF8M)

di CAMILLA DE AMBROGGI → Español Pubblichiamo l’intervista a Karina Nohales, portavoce della Coordinadora Feminista 8M (CF8M) e candidata costituente della CF8M in Cile. Karina ci racconta il ruolo centrale che ha avuto il movimento femminista all’interno della rivolta popolare di ottobre 2019, che ha aperto un processo di politicizzazione senza precedenti: questo ha portato al trionfo del “sì” nel …

continua a leggere

Una risposta transnazionale agli attacchi alla Convenzione di Istanbul

di E.A.S.T. – Essential Autonomous Struggles Transnational → English and other translations available here L’11 aprile, le realtà che compongono EAST, donne e persone LGBTQIA+ provenienti Turchia, Polonia, Grecia, Italia, Bulgaria, Romania e non solo si sono riunite in un’assemblea pubblica, in seguito al ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul. Questa assemblea è stata convocata per continuare a organizzare …

continua a leggere

Perché i lavoratori non vogliono il sindacato al magazzino Amazon di Bessemer (Alabama)?

di FELICE MOMETTI → L’articolo è stato tradotto in tedesco da Wildcat e in inglese da Viewpoint Magazine È stata sicuramente l’elezione sindacale più seguita nella storia recente americana. Tanto da diventare una partita politica che è andata ben oltre i diritti dei lavoratori del centro logistico di Amazon a Bessemer in Alabama. Una delegazione di lavoratori di Amazon è …

continua a leggere

11 aprile, assemblea online sull’attacco alla Convenzione di Istanbul in Europa centro-orientale e oltre

di E.A.S.T. – Essential Autonomous Struggles Transnational Oggi in Polonia si è votato il progetto di una convenzione, alternativa a quella di Istanbul, che vieta l’aborto e il matrimonio tra persone dello stesso sesso, e che verrà proposta ad altri paesi dell’Est Europa per la loro adesione. Contro questo attacco patriarcale, che accade subito dopo il ritiro della Turchia dalla …

continua a leggere

Costruire potere collettivo: la lotta contro il razzismo e i carichi di lavoro nel magazzino Amazon di Chicago

→ English — Transnational Social Strike Platform Pubblichiamo un’intervista a Zama, operaio nel magazzino Amazon DCH1 di Chicago e militante di Amazonians United Chicagoland e di Amazon Workers International. Il magazzino DCH1 è stato uno dei più attivi nelle lotte dello scorso anno e, forse anche per questa ragione, nelle prossime settimane verrà chiuso. Amazon garantirà il trasferimento in uno …

continua a leggere

Siamo il 97%, non staremo in silenzio. La sollevazione delle donne contro la violenza in Gran Bretagna

di ALICE FIGES → English La sera di domenica 13 marzo, nel Regno Unito, degli agenti di polizia hanno scaraventato e bloccato a terra diverse donne, riunite in una veglia per la morte di una trentatreenne che non avevano mai incontrato, Sarah Everard. La morte di Everard era stata confermata la mattina stessa. Dieci giorni prima, il 3 marzo, era …

continua a leggere

Il nostro sciopero essenziale, femminista e transnazionale

L’8 marzo Andres Manuel Lopez Obrador, il presidente messicano, ha fatto erigere attorno al Congresso una barriera per difendersi dalle contestazioni delle donne, che in massa hanno preso parola contro l’impressionante intensificazione della violenza maschile nel paese. La fotografia dell’uomo al potere spaventato dall’assalto delle donne è il segno dello sciopero globale di quest’anno, la chiara evidenza che la società …

continua a leggere