mercoledì , 22 Maggio 2024

∫connessioni globali

Buenos Aires: abitare le villas miserias

di GEA PICCARDI Qualche giorno fa, a Buenos Aires, è stato sgomberato il barrio Papa Francisco, un quartiere situato al confine meridionale della Villa 20 di Lugano, nel cordone sud delle villas miserias della città. Le villas miserias sono spazi di segregazione urbana, dei barrios chiusi situati dentro e ai margini della città di Buenos Aires, che nascono a partire …

continua a leggere

Ferguson: da un riot all’altro?

di FELICE MOMETTI A Ferguson, piccolo sobborgo di Saint Louis, cinquant’anni fa vivevano più persone che oggi. Dopo la grande crisi della fine degli anni ’70 la geografia urbana dell’intera area metropolitana è radicalmente mutata. È cambiata anche la composizione sociale degli abitanti, oggi a maggioranza nera con redditi molto bassi. Tra il 1981 e il 1993 i cosiddetti «Piani …

continua a leggere

Appello di Blockupy ai movimenti per un’iniziativa politica transnazionale

→ EN Appello per costruire insieme uno spazio transnazionale di iniziativa per un’Europa dal basso, attraverso e contro l’attuale Europa. Invito da Blockupy International a tutti i movimenti, le reti e le organizzazioni per un’assemblea aperta a Bruxelles il 26 e 27 Settembre 2014 Noi, come gruppo di coordinamento internazionale di Blockupy, ci siamo incontrati a Berlino il 21 giugno per …

continua a leggere

Insieme agli uomini e alle donne eritree che lottano per la libertà!

Ancora una volta questa mattina come Coordinamento Migranti e ∫connessioni precarie abbiamo sostenuto la lotta delle donne e degli uomini eritrei provenienti da tutta Europa per contestare il festival del regime dittatoriale. Dopo che ieri sera due migranti eritrei, ora ricoverati in ospedale, sono stati brutalmente aggrediti da una cricca di picchiatori del regime, la polizia di Bologna ha pensato …

continua a leggere

Una migrazione di libertà e di coraggio: contro la dittatura eritrea!

di COORDINAMENTO MIGRANTI Kibrom lavora come facchino nella logistica in una città della Svizzera tedesca. Con altre centinaia di uomini e donne del Coordinamento Eritrea Democratica ha raggiunto Bologna questa mattina per partecipare alla contestazione del festival organizzato dal regime eritreo in una città che ha storicamente accolto chi scappava dalla dominazione etiopica, prima dell’indipendenza, e che oggi dà colpevolmente …

continua a leggere

Da Blockupy solidarietà alla marcia per la libertà

La Marcia per la Libertà ha raggiunto Bruxelles, dopo aver marciato per un mese da Strasburgo passando per Saarbrucken, Schengen e Lussemburgo. Con la Marcia per la Libertà, centinaia di rifugiati, migranti e solidali hanno sfidato i confini nazionali imposti su di loro e su di noi. Hanno ripreso il diritto alla libertà di movimento che è loro negato. Con …

continua a leggere

Pratiche di confine. I migranti in Europa e i loro documenti

Lunedì 16 luglio si è svolto a Bologna un presidio che ha visto decine di lavoratori e lavoratrici marocchini protestare contro le male pratiche del Consolato del Marocco a Bologna. Il presidio è stato indetto da ALMI, Associazione Lavoratori Marocchini in Italia, con l’adesione di Coordinamento Migranti, Associazione Senegalese Cheikh Anta Diop, Comunità Pakistana Bologna e SIM-Scuola d’italiano con migranti …

continua a leggere

Não vai ter Copa. Il mondiale non ci sarà

di PAULA MENEZES – Rio de Janeiro Oggi il sentimento prevalente e condiviso tra i brasiliani è di rabbia e rivolta. Quanto succede in Brasile, a pochi giorni dall’inizio del mondiale, non è facile da spiegare perché si tratta di un paese dove il calcio non è solo uno sport, ma anche un’espressione di identità popolare, oltre che un simbolo …

continua a leggere

Globalmente intolleranti verso il dolore. Due anni dopo tre eccidi operai in Asia

di THOMAS SEIBERT – da Medico International Dopo l’incendio dell’AliTextile avevamo parlato dell’11/9 del movimento operaio pakistano. L’anniversario di quell’incendio seguirà di pochi mesi quello del crollo della fabbrica Rana Plaza di Dacca, così come quello dell’incendio della Tazreen Fashion sempre a Dacca. Non si tratta di coincidenze, ma dell’effetto inevitabile dello sfruttamento globale del lavoro a basso costo. La …

continua a leggere

Per un movimento transnazionale attraverso l’Europa!

→EN May of Solidarity lancia un messaggio in Europa: lottiamo insieme e costruiamo un movimento transnazionale di resistenza, attraverso l’Europa e oltre! Oltre i confini nella solidarietà e per costruire democrazia dal basso! «Solidarietà oltre i confini – costruzione della democrazia dal basso» sono state le parole d’ordine del «May of Solidarity» e delle Giornate europee d’azione, svoltesi alla vigilia …

continua a leggere