giovedì , 25 Aprile 2024

Processi politici e interessi di classe. Gli ultimi post Telegram di Boris Yulievich Kagarlitsky

Condividiamo l’appello contro l’incarcerazione del sociologo marxista russo Boris Yulievich Kagarlitsky, avvenuta in Russia pochi giorni fa. Kagarlitsky, autore di diversi studi tra i quali il libro L’impero della periferia. Storia critica della Russia dalle origini a Putin, recentemente pubblicato in italiano (A cura di Anna Lavina e Yurii Colombo, Castelvecchi, Roma 2023), è stato da tempo indicato come “agente straniero” ed è stato arrestato con l’accusa di terrorismo. Il capo d’imputazione, chiaramente strumentale, è legato ad un post Telegram pubblicato lo scorso ottobre, nel quale collegava l’attacco ucraino al ponte di Crimea alla sua valenza simbolica nel disegno espansionista putiniano e mostrava il legame tra le politiche di guerra e la speculazione e corruzione dell’apparato oligarchico-industriale e burocratico russo, pronto a guadagnare dalla riparazione del ponte, come prima aveva guadagnato per la sua realizzazione. Kagarlitsky è una delle voci critiche più incisive che in Russia stanno cercando di opporsi alla guerra in Ucraina e alla ulteriore sterzata autoritaria imposta dalle politiche di guerra. Il suo nome è più noto di altri, ma fa parte di un tessuto esistente che usa in particolare i social network per discutere della guerra e della situazione che sta vivendo il paese guardando anche alle dinamiche transnazionali e non solo agli equilibri geopolitici. Il suo arresto ha lo scopo di limitare una voce critica disallineata non soltanto rispetto alle attuali politiche del Cremlino, ma anche rispetto alla contrapposizione di comodo tra un mondo democratico che si presume libero e i regimi autoritari che troverebbero in Putin un loro alfiere. Diversamente dalle voci di opposizione russe che trovano consenso in ‘occidente’, con le sue analisi Kagarlitsky ha mostrato come per comprendere il putinismo e la guerra e per opporsi ad essa e alla sua riproduzione sia necessario un punto di vista critico sulle diverse forme assunte dallo sviluppo capitalistico contemporaneo (segnaliamo in particolare questa intervista e questo articolo, in italiano, segnaliamo anche questo articolo e questa intervista). Abbiamo perciò deciso di pubblicare l’appello insieme ad una traduzione (forse talvolta approssimativa) dagli ultimi post pubblicati da Kagarlisky nel suo account Telegram, che conta quasi venticinquemila iscritti. Va segnalato che il governo russo imponeva di introdurre ogni post con il seguente avviso:

QUESTO MATERIALE (INFORMAZIONI) È PRODOTTO, DISTRIBUITO E (O) INVIATO DALL’AGENTE ESTERO BORIS YULYEVICH KAGARLITSKY, O SI RIFERISCE ALLE ATTIVITÀ DELL’AGENTE ESTERO BORIS YULIEVICH KAGARLITSKY.

Appello per la liberazione di Boris Kagarlisky:

La notizia dell’arresto del sociologo marxista Boris Kagarlirsky in Russia conferma che la guerra non fa altro che restringere gli spazi democratici e favorire la deriva autoritaria. Kagarlitsky era stato già schedato come «agente straniero» nel 2022 sulla base della normativa repressiva. In realtà Kagarlitsky è una delle voci più autorevoli di opposizione a Putin come precedentemente a Eltsin e in generale all’oligarchia che si è arricchita dopo la restaurazione del capitalismo in Russia.

Non è la prima volta che viene arrestato e perseguito penalmente. L’ultima volta è stato arrestato nel 2021 – mentre si recava all’università per tenere una lezione su Marx – per aver incitato a protestare contro i brogli elettorali. Viene ora accusato di sostenere e/o giustificare il terrorismo ma in realtà viene perseguito perché fin dall’inizio si è schierato contro la guerra decisa da Putin. In passato era stato criticato anche dai nazionalisti ucraini per aver definito come spontanea e conseguenza di Euromaidan la rivolta popolare che portò alla nascita delle repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk.

Chi legge da anni libri e articoli di Kagarlitsky, che è stato anche collaboratore de il manifesto, sa che l’accusa di terrorismo non ha fondamento: Kagarlitsky ha lavorato in questi anni per unire le forze di opposizione di sinistra e negli ultimi mesi ha più volte denunciato l’escalation repressiva in Russia. Kagarlitsky è direttore della rivista online Rabkor che non gode dell’attenzione che i media occidentali dedicano ad altri oppositori perché critica il putinismo da un punto di vista marxista e anticapitalista. Chi come noi si batte per una soluzione di pace non può che essere solidale con compagni come Boris Kagarlitsky che si oppongono alla guerra. Chiediamo l’immediata liberazione di Boris Kagarlitsky.

Per adesioni: maurizioacerbo@gmail.com

***

Dall’account Telegram di Boris Kagarlitsky:

A proposito del tanto atteso. 18 luglio [link in russo]

Ricorda come nei primi anni 2000 sono apparsi nel nostro paese i “putinisti rossi”. Ci hanno detto che Putin sostiene solo temporaneamente gli oligarchi e il grande capitale, e poi li sconfiggerà tutti e, da favoloso bravo ragazzo, si trasformerà subito in socialista, e forse anche comunista, farà una “svolta a sinistra”. e vivremo di nuovo felici come in URSS, solo molto meglio.

Il tempo è passato, i “putinisti rossi” hanno promesso tutto e ci hanno promesso una “svolta a sinistra”. Alcuni si sono stancati di promettere e sono rimasti delusi. Altri, come Sergey Kurginyan e Mikhail Khazin, ogni volta hanno trovato spiegazioni nuove e più sofisticate perché ora era impossibile, ma domani, di sicuro, sta per iniziare. Ci hanno parlato di “mosse multi-mossa”, che consistevano sempre in una singola mossa, dopodiché la successiva “mossa multi-mossa” promessa veniva diligentemente dimenticata, ma ne veniva subito scoperta una nuova. Che, ovviamente, non ha avuto seguito. L’elenco di queste ingegnose combinazioni che erano state promesse ma che non hanno avuto luogo chiaramente non rientra nei parametri del post TG. Ma quello che hanno in comune è che esistevano solo nella mente dei commentatori.

Tuttavia, il 24 febbraio ha dato un nuovo slancio ai narratori di questa triste storia. Già ora, nelle condizioni di confronto con l’Occidente, sullo sfondo della necessità militare, quando è necessaria una concentrazione di forze, le nostre autorità opteranno sicuramente per un cambiamento radicale nella politica sociale ed economica. I “Putinisti rossi” che sono sopravvissuti fino al 2022 si sono ripresi, rifornendo i loro ranghi con nuovi disertori del campo di sinistra, e qui si sono uniti i patrioti, credendo che “non stiamo combattendo per Putin e gli oligarchi, ma per la Russia”. E Putin e gli oligarchi, intrisi di patriottismo, bruceranno tutto ciò che hanno adorato per 30 anni e si inchineranno a ciò che hanno bruciato (anche se in realtà l’hanno bruciato con successo molto tempo fa). Ma sono passati 500 giorni di conflitto armato, si sono arresi a Kherson, hanno vissuto per vedere il fermento nell’esercito e la ribellione dei mercenari, ma nulla è cambiato …

No, però, le cose stanno cambiando. Solo nella direzione opposta. Il Comitato della Duma di Stato ha approvato un progetto di emendamento introdotto dal governo che riduce le tasse per i “fondi personali” – fondi personali di ricchi russi. Il contributo minimo da cui iniziano i benefici è di 100 milioni di rubli. Non solo le tasse vengono ridotte, ma quando si depositano e si prelevano beni da tali fondi, sarà possibile, in alcuni casi, non pagare affatto le tasse. I noleggiatori russi possono sentirsi tranquilli, l’importante è non investire nella produzione.

Per ogni evenienza, per rendere la vita ancora più difficile a chi sta cercando di avviare la produzione e creare posti di lavoro, il canone per l’allacciamento alla rete elettrica è stato aumentato di 136 volte. Ciò influenzerà non solo la produzione, ma anche la popolazione. Ma perché guardare indietro a coloro che non hanno né grandi soldi né carri armati.

E a proposito di carri armati. Le autorità hanno deciso di armare la Guardia Nazionale con loro e altre attrezzature pesanti. Non dovrebbe combattere al fronte, ma sembra che si stiano preparando a combattere non al fronte, ma a casa. Poiché la produzione di attrezzature pesanti non aumenterà drasticamente, i veicoli da combattimento dovranno essere rimossi dalla parte anteriore o consegnati dalle fabbriche non nella parte anteriore, ma nella parte posteriore. Dove sono, ovviamente, più necessari in caso di una nuova ribellione.

Naturalmente, non sarà possibile riarmare e riorganizzare rapidamente la Guardia russa e potrebbero verificarsi cambiamenti prima che questa iniziativa diventi una vera incarnazione. Ma apprezza l’intento! Il governo sa benissimo chi sono i suoi veri amici e chi i suoi nemici.

***

A proposito di Strelkov. 21 luglio [link in russo]

“Loro possono, ma noi no.” Lo abbiamo ripetuto per molti mesi, quando gli oppositori di sinistra e liberali sono stati mandati in tribunale per la semplice parola “guerra”, e Igor Strelkov e i suoi collaboratori hanno pronunciato le ultime parole della direzione del dipartimento militare e hanno parlato del terribile stato di cose in unità combattenti. Dopotutto, non hanno messo in dubbio la necessità di un’azione militare. Putin non è stato rimproverato all’inizio. Al governo è stato rimproverato solo di non essere abbastanza radicale.

Ma oggi alle 11:30 sono venuti per Strelkov. È solo che ha oltrepassato certi confini non scritti: insultando Putin?

Il Club of Angry Patriots creato da Strelkov può essere accusato di aggressività e sete di sangue (e Strelkov è solo uno dei più moderati). Eppure il loro problema principale non è nelle loro opinioni, ma nella loro mostruosa ingenuità politica e analfabetismo economico. Non hanno capito che le operazioni militari sono condotte in modo efficace come l’attuale stato russo è in grado di fare. Non volevano capire che gli obiettivi di questo conflitto non hanno nulla a che fare né con le dichiarazioni ufficiali né con i sogni di restaurare l’Impero russo o l’URSS. Il governo fa il suo lavoro. E se lo vuoi diversamente, allora devi cambiare il sistema statale e gli obiettivi politici. Ma il guaio è che questi cambiamenti non lasceranno spazio non solo all’attuale oligarchia, ma anche a un’agenda “patriottica” volta a tornare a un passato immaginario.

Strelkov ei suoi patrioti arrabbiati iniziarono a rappresentare una minaccia non nel momento in cui iniziarono a criticare il corso delle ostilità, ma quando le autorità si rivelarono interessate agli strati della società che erano ancora suscettibili alla propaganda per dimenticare completamente tutto ciò che era accaduto nell’ultimo anno e mezzo. Non abbiamo bisogno di ricordare perché, anche da un punto di vista ufficiale, sia stata avviata tutta questa operazione. Non abbiamo bisogno di sapere chi e cosa ha deciso, indipendentemente anche dalla valutazione di queste decisioni. Le autorità stanno chiaramente preparando svolte serie. Funzionari di diversi livelli sanno bene che è necessario lasciare il territorio dell’Ucraina. E prima è, meglio è. Come questo sarà fatto, e soprattutto da chi, non lo sappiamo ancora. Putin chiaramente non si adatta a questa svolta, ma dopo la ribellione di Yevgeny Prigozhin, non è un segreto per nessuno che il suo regno stia per finire. Nel frattempo, i patrioti arrabbiati possono essere rimossi dalla scena con il pretesto della mancanza di rispetto per il sovrano.

L’opposizione di ieri può gioire oggi. Ma non c’è niente di buono in questo. Non importa quanto possano essere sbagliati i patrioti arrabbiati, non importa quanto terribili affermazioni facciano, sono puniti non per questo, nemmeno per i loro principi, ma per il fatto che hanno dei principi. E anche se tali misure preannunciano un cambio di politica in ritardo, non c’è la minima ragione per pensare che la prossima svolta avrà più successo della precedente. I problemi non solo non vengono risolti, ma nemmeno formulati. Chi è al potere sta ora cominciando a capire che devono ancora uscire dalla trappola ucraina, dove sono saltati felicemente un anno e mezzo fa. Ma dopo, l’intero enorme fardello di altri problemi irrisolti ricadrà sulle loro (e sulle nostre) teste.

Tuttavia, se qualcuno cercasse seriamente di risolvere questi problemi nella sfera dell’economia, della politica, della gestione, della sfera sociale e delle relazioni internazionali, non ci sarebbe nessuna campagna ucraina, nessuna situazione attuale, nessun club dei patrioti arrabbiati.

***

A proposito di patrioti. 24 luglio [link in russo]

L’arresto di Strelkov non ha causato disordini di massa, né gravi proteste. La piccola folla che si era radunata davanti al tribunale ha gridato più volte in modo discordante “Vergogna, vergogna!”, per poi tristemente disperdersi. Pertanto, molti commentatori, appartenenti sia all’opposizione che al campo di sicurezza, hanno concluso che la popolarità di Strelkov e delle sue idee è notevolmente esagerata e l’attività violenta dei patrioti radicali osservata su Internet non significa la loro reale popolarità nella società.

In effetti, l’immagine è un po’ più complicata. In una società russa apolitica, nessuna idea, programma o iniziativa può ricevere un sostegno attivo di massa. La stragrande maggioranza della popolazione oggi è estranea a qualsiasi idea, sinistra, destra, opposizione, rivoluzionaria o conservatrice. Ma non ne consegue che sarà sempre così. Il paradosso è che una società politicamente inerte ha il potenziale per politicizzarsi rapidamente, spostandosi bruscamente in una direzione o nell’altra, il che è impossibile nei paesi in cui la popolazione è organizzata attorno a blocchi politici stabili. Proprio in tali situazioni avvengono sconvolgimenti e rivoluzioni improvvise, che hanno colpito gli osservatori che ieri hanno accertato la stabilità del sistema. Gli esempi sono molti, dalla perestrojka sovietica alla primavera araba. Ogni caso ha le sue specificità, ma questo non cambia l’essenza: sotto la copertura della stabilità, spesso si nasconde il potenziale per un big bang.

I circoli dominanti, anche senza comprendere appieno il significato di ciò che sta accadendo, sentono intuitivamente la minaccia. E adottano costantemente misure, cercando di proteggersi in quelle aree in cui questa minaccia è riconosciuta o percepita come potenzialmente la più grave. Soluzioni specifiche potrebbero essere sbagliate. Inoltre, saranno quasi sempre errate, poiché si deve agire in una situazione di totale incertezza. Ma la sensazione alla base di queste decisioni è corretta.

Per quanto riguarda gli Angry Patriots, il loro problema principale non è la debolezza del sostegno di massa, ma il fatto che il sostegno è in calo. Ci sono ragioni oggettive per questo. L’ideologia di Strelkov e dei suoi soci si basava su due principi, entrambi ora sempre meno convincenti. Da un lato, nonostante le prove, continuano a credere che l’attuale conflitto sul territorio dell’Ucraina possa concludersi vittoriosamente se solo si compiono sforzi straordinari e si sostituisce la leadership corrotta. D’altra parte, sono sicuri che nonostante la totale corruzione e incompetenza del governo, che dichiarano costantemente, è questo governo e questo particolare stato che devono essere sostenuti (secondo il principio “non c’è altro comunque”). Il fatto che questi due principi si contraddicano non ha raggiunto la coscienza dei patrioti, fino a quando le autorità stesse non hanno compiuto alcuni sforzi per spiegarli. La questione se la Russia potesse ottenere un grande successo in questo conflitto, avendo a capo dell’amministrazione e dell’esercito altre persone, non è solo astratto, ma anche assurdo, perché in questo caso questo conflitto non si sarebbe affatto verificato (almeno nella sua forma attuale). E il punto qui non riguarda le persone cattive, ma quali gruppi sociali e quali interessi serve il governo. Lo stato oligarchico è pronto a nascondersi dietro qualsiasi slogan, ma può agire solo nell’interesse dell’oligarchia. Anche se volessero, ascoltando la persuasione di Strelkov e dei suoi soci, cambiare improvvisamente, non succederebbe nulla: l’intera struttura di gestione e potere è imprigionata esclusivamente per servire determinati interessi. “Nato per gattonare non può volare.”

*** 

A proposito di patrioti (continua). 24 luglio [link in russo]

È significativo che lo stesso Strelkov, durante la sua discussione con Navalny, cercando di spiegare razionalmente l’essenza delle contraddizioni sorte nella società, sia inevitabilmente scivolato in formulazioni marxiste, apprese in gioventù, quando, come Igor Girkin, studiava all’istituto sovietico di storia e archivi. Navalny, cercando di contraddirlo, è andato alla deriva nella stessa direzione.

I processi politici non possono essere razionalmente compresi al di fuori del contesto sociale ed economico, non possono essere compresi se non si tiene conto degli interessi di classe e di gruppo, se non si vede la connessione tra questi interessi e le strutture consolidate. Ma se si verificasse una tale consapevolezza, allora non vedremmo davanti a noi patrioti arrabbiati, ma democratici e socialisti di vari gradi di radicalismo.

I movimenti patriottici, in virtù della loro stessa ideologia, si sono dimostrati incapaci di un’iniziativa politica indipendente, continuando a fare appello alle stesse persone a cui si opponevano. Per lo stesso motivo, a differenza dei gruppi di opposizione, sia di sinistra che liberali, non sono stati in grado di sviluppare una cultura dell’azione attivista e dell’auto-organizzazione. Privi di leader e di una prospettiva politica, sono demoralizzati e disorientati.

Sullo sfondo di un sistema di governo in decadenza e in una situazione in cui i rapporti di forza nel conflitto ucraino stanno lentamente ma irreversibilmente cambiando in direzione sfavorevole, gli appelli di Strelkov a ribaltare le sorti del conflitto con misure straordinarie senza cambiare l’ordine esistente suonano sempre meno convincenti non solo al grande pubblico, ma anche a coloro che li ripetono. La consapevolezza delle contraddizioni sociali raggiungerà senza dubbio coloro che stanno cercando di pensare e agire per cambiare la situazione del Paese, ma sospetto che per molti sarà troppo tardi.

 

Print Friendly, PDF & Email

leggi anche...

La lotta palestinese vista dall’Iran e i rischi dell’islam politico

di FRANCESCO BRUSA via Dinamo Press Ripubblichiamo questa intervista a Siyâvash Shahabi, attivista iraniano rifugiato …