giovedì , 21 settembre 2017
Home » tracce collettive

tracce collettive

Svezia: lo sciopero sociale dei migranti lungo un mese

di STEVEN CUZNER (Allt åt Alla, Stockholm) da Transnational Social Strike Platform → English Pubblichiamo un testo scritto da Steven Cuzner di Allt åt Alla sullo sciopero sociale ancora in corso in Svezia, dove migliaia di giovani richiedenti asilo provenienti dall’Afghanistan stanno lottando da un mese per opporsi alle nuove politiche di asilo che, dichiarando il loro paese di provenienza …

continua a leggere

L’effetto contagio dei movimenti urbani globali. Intervista a David Harvey

di NICCOLÒ CUPPINI da Infoaut Una versione ridotta di questa intervista è stata pubblicata su «Il Manifesto» del 13 luglio col titolo Il contropotere è cittadino. L’intervista è stata realizzata giovedì 29 giugno a Bologna, dove Harvey era presente per la Summer School «Sovereignty and Social Movements» organizzata dall’Academy of Global Humanities and Critical Theories. Abbiamo evidenziato col grassetto i …

continua a leggere

Affinity and divergence between Ums Ganze and us, towards the block of the port of Hamburg

by BERLIN MIGRANT STRIKERS from Berlin Migrant Strikers This note by Berlin Migrant Strikers discusses the position of some comrades of the network Ums Ganze! concerning the initiative focused on the Hamburg Harbor, that will take place on July 7 during the mobilization against the G20 summit. By stressing the difference between the blockade as an event and the strike as …

continua a leggere

AntiTesi d’Aprile

di BERLIN MIGRANT STRIKERS dalla pagina Berlin Migrant Strikers Ripubblichiamo le «AntiTesi di Aprile» del collettivo Berlin Migrant Strikers, perché sollevano una serie di spunti di discussione e domande che crediamo siano rilevanti per tutti e tutte coloro che si interrogano su come costruire un’iniziativa politica all’altezza delle sfide del presente e fuori da schemi preconfezionati o da abitudini di …

continua a leggere

Oltre la pura politica. Discutendo «Guerra alla democrazia» di Dardot e Laval

di SANDRO MEZZADRA da Euronomade «La vittoria del fascismo», scrivono Pierre Dardot e Christian Laval nelle prime pagine del loro Guerra alla democrazia. L’offensiva dell’oligarchia neoliberista (DeriveApprodi, trad. di Ilaria Bussoni, pp. 142, 15 euro), «è una possibilità con cui dobbiamo fare i conti. E nessuno potrà dire ‘noi non sapevamo’». È un’affermazione che personalmente condivido, pur non avendo qui …

continua a leggere

Non una di meno! La marea in movimento

di NON UNA DI MENO Dal sito della rete Non una di meno che con la sua iniziativa e il suo lavoro di coordinamento ha reso possibile la grande mobilitazione dello scorso 26 novembre a Roma e l’assemblea del giorno seguente alla Sapienza, riprendiamo e diffondiamo il comunicato che, attraverso alcune parole chiave, dà il senso della grande forza che …

continua a leggere

L’internazionale femminista: noi ci organizziamo

di NIUNAMENOS Argentina — tradotto e pubblicato da DinamoPress → Español Pubblichiamo l’appello lanciato da Niunamenos ‒ Argentina dopo la grande mobilitazione femminista dello scorso 19 ottobre a Rosario e in vista delle manifestazioni del prossimo 25 e 26 novembre contro la violenza maschile sulle donne. Le promotrici di questo appello vedono chiaramente che è in corso una sollevazione globale delle …

continua a leggere

Spettri del lavoro. Note sulle lotte logistiche nella megalopoli padana

di CARLOTTA BENVEGNÙ e NICCOLÒ CUPPINI da Napoli Monitor Poche settimane fa ha fatto notizia il caso della compagnia Hanjin, l’ottava azienda logistica globale che con il suo crack ha messo in luce alcune delle profonde contraddizioni che strutturano l’economia attuale. Inoltre questo evento è parso una conferma di quanto in molti sostengono negli ultimi tempi, ossia che la logistica sia …

continua a leggere

Scene di movimento di classe in Francia

di FELICE MOMETTI, da Communia network La politica e il conflitto sociale, per fortuna, non procedono per imperativi categorici. Anzi ogni volta che se ne proclama uno come necessario si ottiene l’effetto contrario. Da qualche anno nella esangue sinistra italiana c’è la moda del «fare come». Fare come la Grecia, fare come Syriza, fare come Podemos, fare come Barcelona en comù …

continua a leggere

Globalizzazione e crisi. Il lavoratore multinazionale

di GIROLAMO DE MICHELE questo report viene pubblicato in contemporanea su euronomade.info Il 4-5 febbraio si è svolto a Padova il convegno «Globalizzazione e crisi. Lavoro, migrazioni, valore». Quello che segue è un report degli interventi, redatto sulla base dei materiali distribuiti e degli appunti presi. Ho scelto di far parlare una sola voce collettiva, per focalizzare l’attenzione sul quadro d’insieme piuttosto …

continua a leggere