venerdì , 24 novembre 2017
Home » nei segreti laboratori

nei segreti laboratori

Il protagonismo dei migranti e i rischi di un’occasione persa. Una discussione necessaria

di COORDINAMENTO MIGRANTI C’è bisogno di una grande manifestazione di migranti, perché in Italia i e le migranti sono sotto attacco. Lo sono da tempo e per anni hanno lottato attraversando i confini, scioperando contro lo sfruttamento, resistendo al razzismo istituzionale. Oggi però questo attacco è diventato più intenso e mira a ridurre le donne e gli uomini migranti al …

continua a leggere

La realtà dei migranti, le illusioni dell’accoglienza e i sogni di Minniti

di COORDINAMENTO MIGRANTI La tempesta dei migranti sembra essersi per ora acquietata. Gli spregiudicati accordi siglati dal ministro Minniti con il governo e le milizie libiche e il nuovo codice di condotta imposto alle Ong hanno drasticamente ridotto gli arrivi, sebbene non abbiano fermato del tutto le partenze. Nell’agosto di quest’anno si è registrato un calo dell’86% degli sbarchi rispetto all’agosto del 2016: …

continua a leggere

Contro il regime del salario. Sul dominio del tempo tra fabbrica e metropoli

di ELEONORA CAPPUCCILLI Un nuovo regime di produzione che mette a valore l’autonomia e l’autoimprenditorialità; una nuova società dell’io; una nuova economia che si poggia sul lavoro gratuito: questa è l’immagine superficiale dell’economia politica ai tempi del neoliberalismo. Poi c’è il dominio violento che fa leva sul potere pastorale; la rete come modello dello sfruttamento; il lavoro salariato malpagato e …

continua a leggere

Spiare e licenziare. Su un modello di relazioni industriali tra Svezia e Italia

→ English Sebbene non manchino i casi passati e recenti, licenziare un delegato sindacale occupato nell’azienda da 29 anni non è ancora una pratica diffusa in Italia. Se poi l’azienda è una multinazionale svedese, arrivata in Italia con strepito di trombe per le sue relazioni industriali partecipative e i nuovi modelli organizzativi che mirano a superare la linea di montaggio, …

continua a leggere

Senza famiglia. Ovvero il matrimonio e il divorzio ai tempi del neoliberalismo

Trattata come una faccenda di gossip su vip ricchi e annoiati, la recentissima sentenza della Cassazione sugli assegni divorzili è passata quasi sotto silenzio, reputata al massimo come una sorta di «lezione» in fondo meritata per le donne che si sposano per convenienza e perché non hanno voglia di lavorare. Lo scarso rilievo dato alla sentenza è ancora più sorprendente …

continua a leggere

Il decreto Minniti, i migranti e il governo politico dell’insicurezza

di GIORGIO GRAPPI L’intento dichiarato dell’ormai discusso decreto Minniti-Orlando, ora convertito in legge, è di velocizzare l’identificazione e rendere effettive le espulsioni. Molte delle critiche sollevate al decreto sembrano non voler fare i conti con il fatto che uno Stato che ha delle leggi possa, ogni tanto, porsi il problema di farle funzionare. È infatti noto che l’effettività delle espulsioni, …

continua a leggere

Lo scambio indegno. I Cie, la sicurezza e la libertà dei migranti

  di COORDINAMENTO MIGRANTI L’anno nuovo dei migranti inizia con la svolta securitaria annunciata da un governo nato per portare al voto il paese. Gli annunci dicono che a Bologna come in altre città italiane riapriranno i Cie (uno per ogni regione), mentre il ministro degli Interni e il capo della Polizia promettono una stretta nella politica delle espulsioni: controlli …

continua a leggere

Dalla legge Fornero all’APE, ovvero dal salario differito alla rendita

di MAURIZIO FONTANA …del frantumare la dimensione collettiva frazionando i diritti e quindi, man mano che si vanno sgretolando i diritti dei molti, legittimare i più svariati interessi dei pochi, a danno dei molti, ovviamente… Il dilagante espandersi della dimensione finanziaria nell’economia va di pari passo con il processo di costante riduzione del costo del lavoro, che sempre più coincide …

continua a leggere

Logistica, la ribellione dei migranti contro lo sfruttamento

Intervista di ROBERTO CICCARELLI a GIORGIO GRAPPI, pubblicata su «Il Manifesto» del 16 settembre 2016 «La morte dell’operaio egiziano Abd Elsalam Ahmed Eldanf travolto da un tir al picchetto di Piacenza non è frutto del caso o di un incidente. Chi ha seguito le lotte operaie dei lavoratori migranti nella logistica conosce benissimo la violenza esercitata ai blocchi da parte …

continua a leggere

Campi per «cittadini migranti stagionali»

di ENRICA RIGO e NICK DINES* Il titolo del regolamento interno della Croce Rossa Italiana (CRI) le definisce «strutture di accoglienza dei cittadini migranti stagionali». A leggerlo senza conoscerne il contesto, si potrebbe pensare a una sorta di colonie estive destinate a cittadini privilegiati che trascorrono parte dell’anno nella residenza di città e con la bella stagione si traferiscono al …

continua a leggere