domenica , 28 Novembre 2021

Tag Archives: Welfare precario

Fabbriche della precarietà 1.1: Parlando con Piero di welfare precario, sciopero e potere

Pubblichiamo un lungo dialogo con Piero, operatore sociale e membro del Collettivo operatori sociali di Napoli. Non si tratta evidentemente di un incontro casuale e nemmeno occasionale, poiché da mesi anche noi stiamo lavorando alla costruzione di un percorso con educatrici e operatori sociali. Come abbiamo già fatto, e continueremo a fare, siamo perciò alla ricerca di connessioni politiche attraverso …

continua a leggere

Fabbriche della precarietà 1.0 Educatrici e operatori sociali nel welfare in trasformazione

Il welfare contemporaneo è precario. Non basta più considerarlo come sistema di erogazione di servizi, criticarne lo smantellamento o la continua privatizzazione, affrontarlo come questione locale o terreno di scontro con le amministrazioni cittadine per una rideterminazione delle quote di spesa pubblica. Queste ultime, infatti, sono determinate in misura sempre maggiore dal governo e dalle normative europee sulla esternalizzazione e …

continua a leggere

Un rischio calcolato. E., impiegato alla Asl, assunto da un’anonima S.r.l.

Dove lavori? Lavoro per un’azienda privata (un’anonima S.r.l.) che ha vinto una gara d’appalto per la gestione di un servizio per conto dell’Asl. Da quanto lavori? Che tipo di contratto hai? Lavoro per questa azienda da 2 anni. Il contratto è andato cambiando negli anni, prima era a progetto, poi dagli ultimi mesi e forse per la pressione mia e …

continua a leggere

Un delirio organizzato. V., impiegata in un museo tramite un’associazione culturale

Che lavoro fai? Da quanto lavori? Sono V., ho 27 anni e lavoro all’associazione culturale *** come operatrice didattica, educatrice, da un anno. Sono socia di quest’associazione e tramite di essa lavoro al museo ***, con cui l’associazione ha stipulato un contratto di un anno. Il mio lavoro mi piace moltissimo, è il lavoro che volevo fare: infatti non lavoro …

continua a leggere

Mettiti calmo e aspetta che ti chiamino. F, insegnante in attesa

Che lavoro fai? Ho 27 anni, ho iniziato a lavorare a 26. Però il mio è un caso abbastanza particolare. Io mi sono laureato in geografia, ho fatto uno stage con uno studio di architettura che si occupava di urbanistica, ovviamente stage non pagato e mi sono ritrovato in una situazione che non sapevo più bene come contenere e quindi mi sono messo a …

continua a leggere

La precarietà è quella di non sapere. S. impiegata alla Asl tramite cooperativa

Intervista realizzata in connessione con Migranda Dove lavori, da quando e con che contratto? Lavoro per l’azienda Asl al Sert Navile, il servizio per tossicodipendenza del quartiere Navile, tramite e per appalto a una cooperativa dell’azienda Asl. Ciò significa che l’azienda Asl ha appaltato al consorzio Epta dei lotti, cioè dei servizi, e all’interno del consorzio ci sono varie cooperative tra …

continua a leggere

Dai precari alla precarietà: per dire addio a entrambi

Di precarietà parlano ormai tutti. E’ un tema centrale in qualsiasi dibattito su lavoro, economia e società. La vulgata vuole che precari siano quelli che lavorano con contratti a tempo determinato, atipici, quelli assunti tramite agenzie interinali o forse perfino quelli che il contratto non ce l’hanno affatto. In questo modo, più che di precarietà si parla di precari, un gruppo …

continua a leggere