domenica , 16 Maggio 2021

Search Results for: il regime del salario

Governance e conflitto sociale nel tempo della pandemia

di CINZIA ARRUZZA e FELICE MOMETTI da «Viewpoint Magazine», 9 aprile 2020 Scioperare per la propria vita Lunedì 29 marzo gli operai della General Electric hanno protestato per le migliaia di licenziamenti annunciati dai manager della compagnia, chiedendo invece una riconversione della produzione e ponendo una semplice domanda: «se la GE ci affida l’incarico di costruire, testare e fare la …

continua a leggere

En las crisis del capital pandémico. El neoliberalismo suspendido y los focos de curación

→ Italiano → English El Covid-19 no es el primer virus que da un salto entre especies. Esta vez, sin embargo, el salto se ha producido en el mercado mundial, en un sistema de conexiones y movilidad sin precedentes. Justo cuando el capital se ha hecho pandémico, planteando una pretensión mundial de dominación, de una manera u otra muchas de …

continua a leggere

Essere radicali come la realtà. Salvini sconfitto, la lotta sul salario e la prospettiva transnazionale

Mi-en-leh insisteva sempre sulla radicalità e l’audacia sovversiva dei dominatori. – Guardate un po’, – diceva, – che rischi affrontano, come infrangono tutte le conven­zioni e abbandonano i loro beni più sacri, come non ri­sparmiano se stessi quando si tratta di fare dei sacrifici per ottenere dei vantaggi o arginare delle perdite. Impa­rate da loro come si domina. Me-ti insegnava: …

continua a leggere

La rivolta permanente. Crisi e rifiuto del populismo del capitale in Ungheria

Il primo atto di Vitkor Orbán, dopo essere diventato primo ministro ungherese nel 2010, è stato quello di varare il cosiddetto strike act, un provvedimento volto a neutralizzare lo sciopero con la scusa di regolare i servizi minimi che devono essere garantiti: per quasi ogni settore è ora un giudice a stabilire quali siano i servizi che devono essere assicurati …

continua a leggere

La crepa nel muro. Lotte operaie sul salario al confine tra Messico e Stati Uniti

di CLEMENTE PARISI Il 2019 continua sotto il segno dello sciopero. Questa volta oltre 40.000 lavoratori e lavoratrici della città messicana di Matamoros hanno bloccato la produzione in 45 delle 110 maquiladoras presenti in città, quasi tutte fornitrici dell’industria automobilistica statunitense. Con lo sciopero rispondono a condizioni di lavoro devastanti, ritmi estenuanti e paghe da fame in un’area in cui …

continua a leggere

L’urlo di terrore del povero Pillon di fronte alla libertà delle donne

Il disegno di legge in materia di «affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità» è un disegno reazionario. Ciò non dipende dalla conclamata passione per il passato e la sua rigida disciplina sessuale che anima il suo principale estensore, il fanatico senatore leghista Simone Pillon. La proposta che porta il suo nome è reazionaria perché reagisce a uno dei …

continua a leggere

I mille volti della precarietà che abitano il contemporaneo

di ELEONORA CAPPUCCILLI Una versione breve di questa recensione è stata pubblicata su «Il Manifesto» del 30 maggio 2018. Solo muovendosi tra i diversi piani del labirinto della precarietà fino a raggiungerne gli angoli più remoti è possibile gettare luce sull’eterogeneità del lavoro contemporaneo, in cui l’abbagliante novità delle trasformazioni tecnologiche vorrebbe nascondere una realtà fatta di gerarchie e frammentazione. …

continua a leggere

Scioperare contro la violenza, le gerarchie e lo sfruttamento: lo sciopero globale delle donne visto dall’Italia

di ELEONORA CAPPUCCILLI – VANESSA BILANCETTI, Non Una di Meno → dal reader Power Upside Down: Women’s Global Strike, a cura della Transnational Social Strike Platform; leggi anche l’Introduzione, Le donne attaccano l’impero: lo sciopero femminista negli Stati Uniti, di Cinzia Arruzza; Verso lo sciopero internazionale delle donne. L’esperienza spagnola, di Marea Granate – Femigrantes; Svezia: il messaggio è lo …

continua a leggere

Rifugiati, migranti e mercato del lavoro nell’Unione Europea. Alcune note

di DEVI SACCHETTO Queste note analizzano alcuni aspetti della relazione tra il mercato del lavoro, i migranti e i rifugiati nell’Unione Europea, tenendo conto dei recenti flussi migratori provenienti non solo dall’Asia e dall’Africa, ma anche dall’Ucraina, dove continua un conflitto a bassa intensità. La gestione dei recenti flussi di rifugiati e migranti ha esacerbato la segmentazione del mercato del …

continua a leggere

La realtà dei migranti, le illusioni dell’accoglienza e i sogni di Minniti

di COORDINAMENTO MIGRANTI La tempesta dei migranti sembra essersi per ora acquietata. Gli spregiudicati accordi siglati dal ministro Minniti con il governo e le milizie libiche e il nuovo codice di condotta imposto alle Ong hanno drasticamente ridotto gli arrivi, sebbene non abbiano fermato del tutto le partenze. Nell’agosto di quest’anno si è registrato un calo dell’86% degli sbarchi rispetto all’agosto del 2016: …

continua a leggere