sabato , 31 Ottobre 2020

Sgomberiamo la società civile

Credevamo di aver ormai sentito tutto, o quasi. Pensavamo che le porcate avessero un limite e che anche la tanto fumosa società civile comprendesse che c’è una soglia di sopportazione per le boiate. Ma ecco che Bologna, che si crede ancora grassa e rossa, ci lascia nuovamente a bocca aperta con la sua nuova strategia di rigenerazione urbana.

La procedura è chiara, inequivocabile e ripetibile, insomma è esemplare e sappiamo quanto la bella Emilia Romagna ami impartire lezioni di benessere al resto del paese. Funziona così: io Comune distruggo il grosso delle abitazioni di fortuna di quelli che fortunati non sono, tu società civile mi ripulisci la zona e ci giochi una volta a settimana, poi re-intervengo io Comune e te la riprendo al primo buon affare con qualche promotore immobiliare senza peli sullo stomaco. Il modello dei modelli. Ora la speculazione edilizia si fa anche grazie a tutta ‘sta civiltà sociale.

Ma una cosa dobbiamo necessariamente riconoscerla. A chi sostiene che la società civile non esiste e che non vuol dire nulla, ribattiamo dicendo che c’è e che ha tratti decisamente identificabili. Fai da servizio manutenzione degli spazi pubblici grazie a una vasta platea di volontari, senza chiedere nemmeno un soldo come compenso? Ti piace la cittadinanza attiva solo se è bianca, frikkettona e depoliticizzata? Pensi che la tua associazione di migranti debba collaborare a questo operazione per pagare il «debito dell’integrazione»? Ami assecondare gli sgomberi di intere famiglie colorate che vivono secondo degli standard per te inaccettabili? Te ne freghi di cosa accadrà dopo che li sgomberano? Pensi spesso che l’interculturalità vada bene, ma non con tutte le culture? Adori usare il volontariato al posto dei normali contratti di lavoro? Non ti poni nemmeno una domanda a proposito di quello che ti circonda? Beh allora ci sono buone possibilità che anche tu sia parte della società civile. Fattene una ragione.

Ci domandiamo cosa ne pensino le cooperative rosse (sbiadite) che si occupano di gestire gli spazi pubblici della città… Povera ManutenCoop! Se già con loro abbiamo visto una svalutazione tanto degli spazi quanto delle forme di lavoro adottate per mantenerli, con la società civile corriamo seriamente il rischio che l’idea stessa che si debba essere pagati per lavorare sia del tutto abbandonata, in favore di un amore incondizionato per la gratuità della partecipazione. Eh si, se sei società civile devi partecipare… Ecco un altro problema, chi può partecipare alla partecipazione cittadina? Beh certo non quelli che sono stati sgomberati, quelli hanno subito la partecipazione degli altri cittadini. Partecipare alla democrazia quotidiana non è mai stato tanto pericoloso per alcuni soggetti, quelli sgomberati.

Ma la vera novità, forse la più eclatante, è l’affermazione e accettazione da parte della società civile dell’idea di uso temporaneo degli spazi… In altre parole ci stanno dicendo che le belle animazioni cittadine, dichiaratamente effimere, sono preferibili alla vita tutt’altro che temporanea dei vecchi occupanti.

Dietro alla temporaneità della gestione di questi spazi, si nasconde poi un’altra grande conquista. Nel caso, infatti, la società civile dovesse svegliarsi e tornare a essere militante, beh è un attimo levarle gli spazi nei quali agire! Che a questi non venga in mente di far politica. Ce lo immaginiamo già il timore nell’occhio del caro Merola. Occhio, quindi, società civile a non diventare troppo critica o rischi di rimanere anche tu senza tetto, come quelli che l’ordine civile ha fatto sgomberare. Tra sgomberare e essere sgomberati il passo è breve.

Download this article as an e-book

Print Friendly, PDF & Email

leggi anche...

Quanto contano la vita e il lavoro in pelle nera? Milano, le fragole e il lavoro migrante

Black Lives Matter! Se sei nero, ti chiami George Floyd e abiti a Minneapolis, la …