martedì , 14 Luglio 2020
Home » nei segreti laboratori (page 10)

nei segreti laboratori

Per il tipo di lavoro che faccio…insomma, precario. D., animatrice freelance

Intervista realizzata in connessione con Migranda Che lavoro fai? Ah, bella domanda, per un precario. Dai, io mi definisco animatrice, nel senso che lavoro nel settore dei cartoni animati e autrice di animazione. In questo settore i mestieri che posso coprire sono svariati, nel senso, sono specifici del settore, può andare dall’illustrazione, all’animazione vera e propria, potrei essere scenografa, comunque animatrice. …

continua a leggere

La speranza e l’illusione. M., magazziniere e musicista

Intervista a M., magazziniere e musicista. Dove lavori? Da quanto tempo? Che tipo di contratto hai? Lavoravo in un magazzino, tramite un’agenzia interinale, mi hanno fatto un contratto di qualche mese inizialmente, dato che sostituivo una ragazza in maternità, poi la ragazza è tornata, mi hanno promesso che mi avrebbero ripreso, poi magari mi riprenderanno davvero, o magari no. Qual …

continua a leggere

La precarietà è quella di non sapere. S. impiegata alla Asl tramite cooperativa

Intervista realizzata in connessione con Migranda Dove lavori, da quando e con che contratto? Lavoro per l’azienda Asl al Sert Navile, il servizio per tossicodipendenza del quartiere Navile, tramite e per appalto a una cooperativa dell’azienda Asl. Ciò significa che l’azienda Asl ha appaltato al consorzio Epta dei lotti, cioè dei servizi, e all’interno del consorzio ci sono varie cooperative tra …

continua a leggere

La lotta ha avuto successo. Non per me, mi hanno licenziato…B., migrante e operaio

Lavori? In questo momento no. Da quanto tempo non lavori? Da fine luglio. Che lavoro facevi? Lavoravo in un bar dove facevo un po’ di tutto: dal bar alla manutenzione alla sicurezza. Come un factotum. Con che tipo di contratto lavoravi? Con un contratto a chiamata, quindi a volte succedeva che rimanevo a casa per molto tempo. È un contratto  …

continua a leggere

Il lavoro stagionale va in fabbrica. P. metalmeccanico e delegato

Quale è il tuo ruolo all’interno dell’azienda,  in quale reparto lavori? Sono un delegato della Fiom-Cgil. Sono stato eletto da un anno nella rsu Fiom dopo le elezioni che ci sono state lo scorso ottobre, e mi trovo a fare il delegato Fiom da un anno. Come Fiom siamo presenti all’interno dell’azienda nella misura del 50 per cento sul totale …

continua a leggere

Abbiamo una casacca diversa, anche se lavoriamo sotto lo stesso tetto. A., metalmeccanico

Delegato RSU in Bonfiglioli Riduttori, Bologna. Dove lavori? Da quanto tempo? Che tipo di contratto hai? Lavoro in un’azienda di Bologna, la Bonfiglioli Riduttori, all’expo di Calderara. È un’azienda metalmeccanica a cui è applicato il contratto nazionale metalmeccanico. Sono in Bonfiglioli dal maggio 2001, ho fatto più o meno un anno da interinale, poi sono stato assunto e ho fatto …

continua a leggere

Precaria inchiesta

Precaria è anche l’inchiesta. Di fronte alle (s)connessioni precarie globali anche lo strumento dell’inchiesta deve essere ripensato profondamente senza accontentarsi di far parlare e di ascoltare chi è vicino e conosciuto. Non è la nostra voce quella che ci interessa. Le interviste sono l’espressione contraddittoria di voci precarie che spesso non comunicano immediatamente fra loro, sono le voci di quanti …

continua a leggere

Notizie dalla fabbrica verde 2: Boreano

di MIMMO PERROTTA e DEVI SACCHETTO Boreano, un pugno di case e una chiesa, è una delle prossime tappe di alcuni dei braccianti africani provenienti dalla Masseria Boncuri di Nardò. Questa distesa di campi nel comune di Venosa (Potenza), dove le colline dal monte Vulture declinano verso le pianure pugliesi, non lontano dall’insediamento Fiat nella Piana di San Nicola di …

continua a leggere

Notizie dalla fabbrica verde: la Capitanata

di MIMMO PERROTTA e DEVI SACCHETTO Da Lampedusa al grand ghetto di Rignano Garganico, passando per Borgo Mezzanone. La storia di Diawara mostra in maniera sorprendentemente lineare come il mercato del lavoro si intrecci con la legislazione sull’immigrazione mettendo a dura prova molti dei discorsi sulla cittadinanza. Partito dal Senegal nel 2008, Diawara, 25 anni, approda a Lampedusa dopo un viaggio durissimo. …

continua a leggere

Quando migrano le lotte 5: lo sciopero di Nardò (Lecce) è finito

di MIMMO PERROTTA e DEVI SACCHETTO Dopo tredici giorni difficilissimi lo sciopero è sostanzialmente finito alla Masseria Boncuri di Nardò (Lecce). Yvan, il leader camerunense della protesta, se ne è andato dopo una notte, quella di giovedì 12 agosto, ad alta tensione tra gli stessi scioperanti. Di fronte a questo sciopero si possono avere reazioni controverse. Qualche malinconico ed esperto …

continua a leggere