sabato , 26 Settembre 2020

di∫social

Bastard report #2: Grande distribuzione

Mentre Standard&Poors declassa l’Italia, Bastard&Poor$ mette retailer e grande distribuzione sotto osservazione.  Parole chiave: carichi di lavoro eccessivi, straordinari e festivi non retribuiti, capetti abusatori, pratiche di degradazione. Outlook: propensione al passaggio dall’essere solo poveri all’essere anche bastardi che attraversa tutta la catena della distribuzione. Indicazioni: comunicare tra colleghi, diffondere l’abitudine a giudicare la propria condizione di lavoro, segnalare esperienze di insubordinazione Inauguriamo …

continua a leggere

Le decisioni del pubblico. In margine al recente referendum

Quelli di noi che hanno potuto farlo hanno scelto A al recente referendum consultivo di Bologna. Gli altri – migranti, studenti fuori sede, lavoratori precari senza la residenza – non hanno potuto dire la loro sul finanziamento pubblico alle scuole materne private. Eppure vivono a Bologna, magari da molto tempo, e hanno una loro idea di cosa potrebbe o dovrebbe …

continua a leggere

Geografie del razzismo. Grillo e il suolo a cinque stelle

Il dibattito politico sullo ius soli di questi giorni non è certo nuovo. Nuovo è il soggetto che l’ha rilanciato. La ministra nera che fa paura ha riproposto la questione e le diverse parti politiche hanno subito reagito. Che il Pdl sia contrario non stupisce. In questo modo non viene certo meno alla sua coerenza politica. Ma che un movimento …

continua a leggere

Bastard and Poor’s. Lo spread dei precari

Oggi, primo maggio, vogliamo segnalare una piccola grande novità incontrata per caso aggirandoci nella rete: è Bastard and Poor’$, la prima agenzia di rating dei lavoratori. Che sia l’inizio di qualcosa di diverso? Che finalmente la rabbia e la frustrazione fino ad oggi hanno trovato nella “casta” il loro obiettivo possano cominciare a rivolgersi contro i padroni? Noi speriamo di …

continua a leggere

Una novità

di SIMPLICIUS C’è una novità. In Italia c’è una donna nera che fa il ministro. Che una donna debba fare il ministro al maschile non è una novità. Probabilmente tutte le cose che il ministro donna nera cercherà di fare contro la legge Bossi-Fini e contro il razzismo istituzionale verranno impedite, ritardate, contraddette, bloccate dal ministro dell’interno (che è un …

continua a leggere