domenica , 15 Settembre 2019
Home » ∫connessioni globali (page 5)

∫connessioni globali

Verso lo sciopero internazionale delle donne. L’esperienza spagnola

di MAREA GRANATE – FEMIGRANTES → dal reader Power Upside Down: Women’s Global Strike, a cura della Transnational Social Strike Platform; leggi anche l’Introduzione Le donne attaccano l’impero: lo sciopero femminista negli Stati Uniti, di Cinzia Arruzza e Svezia: il messaggio è lo sciopero di Sarah Kim e Sarah Liz Degerhammer. Scarica il reader completo in pdf* La risposta alle azioni dell’8 marzo …

continua a leggere

Le donne attaccano l’impero: lo sciopero femminista negli Stati Uniti

di CINZIA ARRUZZA – International Women’s Strike US → dal reader Power Upside Down: Women’s Global Strike, a cura della Transnational Social Strike Platform. Clicca qui per scaricare il reader in pdf* e qui per leggere l’introduzione. Quando attiviste e intellettuali femministe hanno lanciato l’appello collettivo per un femminismo del 99% e per un’azione di solidarietà verso l’International Women’s Strike …

continua a leggere

Argentina 2017. Violenza neoliberale e trasformazione dello Stato

di SEBASTIAN TORRES Pubblichiamo un intervento in forma epistolare di Sebastian Torres, un compagno argentino che ha già collaborato con noi negli ultimi anni, nel quale viene tracciato un primo bilancio del regime neoliberale del governo Macri, dopo il suo successo nelle elezioni di medio termine. Il recente passato argentino è stato caratterizzato da un deciso protagonismo dei movimenti, che …

continua a leggere

8 marzo 2018: la marea è incontenibile! Noi scioperiamo

di NI UNA MENOS Argentina → Spagnolo* *traduzione italiana di Non una di meno Noi, donne del mondo, siamo nel pieno di un processo di rivoluzione esistenziale. L’8 marzo del 2017 ci siamo unite e abbiamo assunto una misura di forza: abbiamo fatto il primo sciopero internazionale delle donne, con un’articolazione transnazionale, multilingue ed eterogenea, in 55 diversi paesi. Abbiamo cominciato …

continua a leggere

Transnational social strike: appello per l’assemblea di Berlino (10-12 novembre)

→ English* Dal 10 al 12 novembre la Transnational Social Strike Platform (TSS) ‒ che coinvolge sindacati radicali, lavoratori e lavoratrici e collettivi dei movimenti sociali, migranti e attivisti ‒ si incontrerà a Berlino per continuare a svilupparsi come infrastruttura politica. Da Poznan a Parigi, da Londra a Lubiana, abbiamo dovuto affrontare il difficile compito di iniziare un processo di …

continua a leggere

Con o senza Bannon. L’unità della destra nella sottile guerra civile americana

di MATTEO BATTISTINI Nel mezzo della polemica che sta coinvolgendo Trump dopo i fatti di Charlottesville, le varie frange della sua amministrazione divisa, esponenti repubblicani del Congresso non tutti propriamente moderati ma che comunque hanno preso le distanze dalla mancata condanna presidenziale, è arrivata la notizia che Steve Bannon non è più consigliere strategico del presidente. Alcune fonti rivelano che …

continua a leggere

Trump, l’Alt-Right e la guerra civile come politica di classe

di FELICE MOMETTI Che Jamie Dimon, numero uno di JPMorgan Chase, la più grande banca degli Stati Uniti, sia diventato un campione di antifascismo è dura da credere. Soprattutto andando a rivedere il report redatto dalla banca quattro anni fa sulle Costituzioni antifasciste europee, che sarebbero inadatte a favorire l’integrazione europea perché troppo sbilanciate verso i diritti dei lavoratori. Sta …

continua a leggere

Strike the borders, combattere il neoliberalismo!

di TRANSNATIONAL SOCIAL STRIKE PLATFORM Pubblichiamo la traduzione italiana del documento conclusivo redatto in seguito all’assemblea della Transnational Social Strike Platform dello scorso 19-21 maggio a Lubiana. → English Come Piattaforma per lo sciopero sociale transnazionale abbiamo consolidato negli scorsi due anni un metodo e una visione. Il metodo consiste nel porre i cardini della nostra iniziativa transnazionale dentro il movimento …

continua a leggere

New York: nomadi metropolitani nella produzione dello spazio urbano

di FELICE MOMETTI Che cosa bisogna fare, oggi, per essere cool a New York? E cioè seguire o addirittura anticipare le tendenze in atto? Bisogna abitare o frequentare Bed-Stuy, abbreviativo di Bedford-Stuyvesant, il quartiere di Brooklyn fortemente in ascesa per vivacità culturale, artistica nonché per i prezzi e gli affitti degli appartamenti. Triplicati negli ultimi 10 anni. A prima vista …

continua a leggere

Muoversi stando fermi. Trump, Wall Street e l’incertezza dei movimenti

di FELICE MOMETTI In alcuni bar di Atlantic Avenue a Brooklyn le scommesse sulle dimissioni di Trump entro l’anno sono quotate 5 a 1 e quelle prima della scadenza naturale del mandato 2 a 1. Quotazioni che continuano a scendere. Insomma, secondo i bookmakers, nemmeno le dimissioni di Trump farebbero racimolare qualche dollaro perché date per probabili. Sembra sia solo …

continua a leggere