mercoledì , 14 Aprile 2021

∫connessioni globali

Blockards from Frankfurt #3. Valeva la pena esserci

«A Francoforte non ci sono più soldi», ci ha raccontato una compagna alla fine del corteo. Persino le banche della periferia hanno chiuso, preoccupate dell’arrivo di manifestanti da ogni parte d’Europa. Nonostante le prime due giornate siano state segnate dall’azione metodica della polizia per scoraggiare la mobilitazione, il corteo oggi non lascia dubbi su chi abbia vinto in questo scontro …

continua a leggere

Blockard from Frankfurt #2 Accerchiatori e accerchiati

Quando saltano i programmi e si è forzati a inventare percorsi nuovi, molto sta nell’effetto sorpresa che si è in grado di produrre. Ci riescono alcuni di quelli che, dopo la breve manifestazione partita stamattina alle otto dalla Stazione centrale di Francoforte, riescono a sfuggire a controlli e divieti e si concentrano attorno alla BCE, mentre altri raggiungono la zona …

continua a leggere

Blockard from Frankfurt #1. Like a demonstrator

17 maggio 2012 A Römer Platz rimangono poche tende vuote. A presidiarle ci sono ancora almeno un centinaio di poliziotti e poliziotte vestiti di tutto punto. Quando ci muoviamo verso Untermainkai 68, dove parte dei manifestanti si è data appuntamento dopo gli sgomberi del pomeriggio, passiamo accanto a decine di camionette. Chiude la sfilata un blindato munito d’idrante. Un cordone …

continua a leggere

Postcards from #Blockupy

A partire da domani, ∫connessioni precarie sarà a Francoforte per le tre giornate di mobilitazione nelle quali culmineranno le iniziative europee del #GlobalMay. Il lungo percorso di costruzione di #Blockupy Frankfurt incontra in questi giorni i primi ostacoli, dal momento che l’amministrazione cittadina ha concesso il permesso per la manifestazione del prossimo sabato negando o limitando ogni autorizzazione alle altre …

continua a leggere

∫connessioni precarie con Bloccupy Frankfurt

Dopo aver preso parte all’assemblea transnazionale dello scorso 22-24 febbraio, saremo a Francoforte per le giornate di mobilitazione del maggio globale europeo, tra i cui simboli ci sarà anche il logo di ∫connessioni precarie. Saremo  insieme a chi, tra le “dita” che si stringeranno attorno al distretto finanziario dell’UE per bloccarne l’attività per un giorno, darà voce alla connessione tra precarie, operai …

continua a leggere

Imparare da Oakland…e da New York 10. An unusual general strike: ombre di sciopero sulla May Day

di MICHELE CENTO, in connessione da New York An unusual general strike. Sono le prime parole che ti vengono in mente quando ti svegli il primo maggio a New York e senti lo stesso rumore di sottofondo con cui ti alzi ogni mattina. È il segno che la città sta lavorando. As usual, appunto. La sensazione non cambia quando entri …

continua a leggere

Imparare da Oakland… e da New York, 9. Il copyright della lotta di classe: #Occupy, i sindacati e il general strike

di MICHELE CENTO e GABE CARROL in connessione da New York* “Noi non abbiamo mai visto uno sciopero generale”. Così a metà degli anni Settanta Mariarosa Dalla Costa attaccava la pretesa universalità di uno sciopero che non riusciva a sfondare la linea del genere, impedendo alla lotta di classe di irrompere nella cucina di casa. Quarant’anni dopo, il lavoro riproduttivo continua …

continua a leggere

Ucraina. Aspettando gli europei di calcio

di FRANCESCA A. VIANELLO Leopoli, Ucraina. Aprile 2012. Atterro sulla solita pista bucherellata ma, guardando fuori dal finestrino, noto qualcosa di diverso: è il nuovo aeroporto internazionale costruito in vista del campionato di calcio europeo che tra giugno e luglio si giocherà in alcuni stadi dell’Ucraina e della Polonia. La nuova pista, tuttavia, non è ancora pronta, per questo l’atterraggio …

continua a leggere

Verso lo sciopero generale del 29 marzo: una marea contro la riforma del lavoro in Spagna

di VALENTINA LONGO, Madrid Con 5 milioni di persone disoccupate, il 23% della popolazione attiva, la Spagna è il paese con il più alto tasso di disoccupazione nell’Unione Europea. In Spagna vi sono fermento e grandi aspettative, ma anche un clima di paura che attanaglia molti lavoratori, per lo sciopero generale convocato per il 29 di marzo contro la riforma del …

continua a leggere

Lampi di Stato. Navi, soldati e pirati nel mare globale

di VANESSA AZZERUOLI e DEVI SACCHETTO La convenzione che permette l’imbarco di militari sulle navi italiane ha solo quattro mesi di vita e siamo già alla prima rogna, come la chiamano in gergo nelle alte sfere militari. Nella vicenda dei due marò italiani in India si giocano diverse partite: da quella internazionale nella quale l’India è protagonista da tempo, e quella interna …

continua a leggere