sabato , 26 Settembre 2020

∫connessioni globali

Bruxelles 06/11: cronaca di una sorpresa di massa

di MILENA TRAJKOVSKA – da Bruxelles Giovedì 6 novembre più di 150.000 lavoratori, studenti e migranti hanno marciato a Bruxelles per protestare contro il nuovo governo, in carica da poche settimane dopo lunghi negoziati. Giornata magnifica. In tanti hanno risposto alla chiamata dei tre sindacati (FGTB, CSC e CGSLB) contro le politiche economiche del governo di destra, come l’innalzamento dell’età …

continua a leggere

We make History. Le proteste degli studenti di Hong Kong

di RUTVICA ANDRIJASEVIC, da Hong Kong → EN Lei ha appena finito di disegnare con il gesso un ombrello sul selciato di Admiralty, il centro delle proteste di Occupy Hong Kong. I suoi compagni di università, studenti della Hong Kong University (HKU), la raggiungeranno più tardi, dopo le lezioni che si tengono nel vicino palazzo di Admiralty. Ha partecipato alle …

continua a leggere

Viviamo, impariamo e combattiamo. Le donne di Kobane sul fronte delle contraddizioni

di PAOLA RUDAN Una versione ridotta di questo articolo è stata pubblicata su «Il Manifesto» del 16 ottobre 2015 con il titolo Le armi della libertà femminile In una recente intervista dal fronte realizzata dalla reporter australiana Tara Brown, una donna combattente curda delle YPJ (Unità di protezione delle Donne) ha dichiarato che lo Stato Islamico è un nemico dell’umanità. Per lei …

continua a leggere

Kobane: Bring the war home

di GABE CARROLL Ogni volta che si scrive di Kobane si teme di arrivare troppo tardi, che il tempo della città nel frattempo sia scaduto. Ma la città resiste ancora. Un motivo è sicuramente l’aumento di raid aerei della «Coalizione anti-Isis» negli ultimi giorni. Ma il fattore determinante continua a essere la feroce resistenza delle YPG/YPJ che, pur subendo e …

continua a leggere

Costruire insieme uno spazio transnazionale per un’Europa dal basso

Report dell’assemblea del Coordinamento transnazionale Blockupy a Bruxelles, 26/27 Settembre 2014 Dopo aver discusso gli esiti del May of Solidarity 2014, il gruppo internazionale di coordinamento di Blockupy ha lanciato un incontro transnazionale a Bruxelles per discutere delle forme di protesta da adottare contro le politiche europee della crisi. Il messaggio proposto dalle giornate di azione dello scorso maggio «Solidarity …

continua a leggere

Kobane sta cadendo

di GABE CARROLL Kobane sta cadendo. Ormai è impossibile negarlo. Dopo giorni che hanno visto i combattimenti più feroci dell’assedio, i combattenti dello Stato islamico sono entrati da est e ovest, sfondando le linee con carri esplosivi. Hanno così ripreso le alture che le YPG avevano brevemente riconquistato nella notte tra il 5 e il 6 ottobre, e guadagnato posizioni …

continua a leggere

Al di qua di Kobane

di GABE CARROLL Venerdì 3 ottobre si è consumata un’altra giornata molto cruenta nell’assedio di Kobane, la cittadina kurda nella regione di Rojava, da due anni sotto il controllo delle Unità di Protezione Popolare (YPG), espressione siriana del PKK e del fronte KCK (di cui fanno parte anche il PJAK iraniano e il PCDK iracheno). Questa forza, di ispirazione apertamente …

continua a leggere

Cina e India, la battaglia delle rotte

di GIORGIO GRAPPI Pubblichiamo la versione integrale di un articolo apparso su «Il Manifesto» del 19 settembre 2014 Sotto la guida del ministro della cultura Ravindra Singh, il governo indiano ha recentemente lanciato un progetto di ricerca quinquennale denominato «Mausam/Mawsim: vie marittime e paesaggi culturali». Il progetto, promosso insieme al Centro Nazionale Gandhi per le Arti, ambisce a rivitalizzare la …

continua a leggere

L’attacco globale all’università pubblica

Pubblichiamo, in italiano e portoghese, un appello dei docenti della Università di Sao Paolo in Brasile contro i blocchi salariali e le politiche di cosiddetto «risanamento» finanziario, che anche aldilà dell’oceano significano una sola cosa: tagli al bilancio e licenziamenti del personale. La grave crisi che sta vivendo in questi mesi la USP, uno dei più importanti atenei brasiliani, è …

continua a leggere

Buenos Aires: abitare le villas miserias

di GEA PICCARDI Qualche giorno fa, a Buenos Aires, è stato sgomberato il barrio Papa Francisco, un quartiere situato al confine meridionale della Villa 20 di Lugano, nel cordone sud delle villas miserias della città. Le villas miserias sono spazi di segregazione urbana, dei barrios chiusi situati dentro e ai margini della città di Buenos Aires, che nascono a partire …

continua a leggere