domenica , 29 Gennaio 2023

∫connessioni globali

La strategia del caos. Il Brasile dopo l’8 gennaio

di HOMERO SANTIAGO A due settimane dal tentativo di colpo di Stato da parte dei fedelissimi di Bolsonaro, all’interno di una situazione ancora molto instabile, pubblichiamo alcune riflessioni di Homero Santiago, che ha già scritto per il nostro sito sulle elezioni dello scorso anno. La situazione che viene descritta è quella di un paese spaccato tra il revanscismo bolsonarista (senza …

continua a leggere

L’omicidio di Tyre Nichols e il maquillage del razzismo istituzionale

di FELICE MOMETTI Il Presidente Biden si dice «indignato». Christopher Wray, direttore del FBI, è «sconvolto». Un’ora di video, tra bodycam dei poliziotti e telecamere di sorveglianza stradale, mostrano il brutale pestaggio di Tyre Nichols da parte di cinque agenti della polizia di Memphis, che ne ha provocato la morte tre giorni dopo. Tyre Nichols, driver afroamericano di FedEx, al termine …

continua a leggere

Meeting transnazionale a Francoforte – 10-12 febbraio 2023 – Programma

MEETING TRANSNAZIONALE A FRANCOFORTE 10-12 febbraio 2023 Luogo: Casa dello Studente della Goethe University, Mertonstrasse 26, Francoforte sul Meno 60325 Registrati per il meeting: complila il form sul sito del TSS Programma Obiettivi: Leggi l’appello: Vogliamo di più! Strike the War and the Climate Crisis! Vogliamo riunire attivisti e attiviste di diversi collettivi, sindacati, movimenti per il clima e migranti. …

continua a leggere

Perù al bivio: che fine ha fatto il governo Castillo?

di VÍCTOR MIGUEL CASTILLO Pubblichiamo un articolo di Víctor Miguel Castillo, attivista-ricercatore peruviano residente in Argentina, che analizza la crisi politica in corso in Perù dopo l’arresto dell’ex presidente Pedro Castillo e la nomina di Dina Boluarte. Castillo aveva vinto le elezioni nel 2021 grazie al rifiuto di massa della destra fujimorista e alle promesse fatte ai settori più poveri …

continua a leggere

La democrazia deragliata. Il blocco bipartisan della lotta dei ferrovieri negli USA

di FELICE MOMETTI Da 30 anni il Congresso degli Stati Uniti non faceva ricorso alla cosiddetta clausola commerciale prevista dalla sezione 8 dell’art.1 della Costituzione. C’è voluto il Presidente ‘più favorevole ai sindacati’ – come molti a sinistra ancora si ostinano a credere – per invocarla e affossare il diritto di sciopero dei ferrovieri del trasporto merci. Biden come George …

continua a leggere

Four fights in the UK: una nuova ondata di scioperi nelle università britanniche

di LORENZO COSTAGUTA (Università di Bristol) Scioperano i lavoratori e le lavoratrici delle ferrovie, sciopera la Royal Mail. Sciopera la scuola, scioperano infermieri e infermiere. Sciopera la metropolitana di Londra, scioperano gli amministrativi dell’università. E poi scioperiamo noi: docenti, ricercatori e ricercatrici, e tutt* gli/le impiegat* a vario titolo nell’insegnamento e nella ricerca nelle università britanniche. Il Regno Unito è …

continua a leggere

Vogliamo di più: Strike the War and the Climate Crisis! Meeting del TSS a Francoforte – 10-12 febbraio 2023

di TRANSNATIONAL SOCIAL STRIKE PLATFORM La guerra in Ucraina ha aperto un nuovo scenario globale, una lunga fase durante la quale i rapporti di forza tra Stati e dentro la società vengono violentemente ridefiniti. La guerra, la militarizzazione e il nazionalismo si avviano a diventare la norma, mentre la concorrenza economica e la politica dei profitti continuano ad alimentare tensioni …

continua a leggere

Stallo precario. Una fotografia del midterm e alcune domande sul film che verrà

di FELICE MOMETTI Gli Stati Uniti non sono una democrazia, sono una repubblica federale. Le due cose non è detto che debbano coincidere. La democrazia semmai vige solo all’interno di alcuni Stati, nemmeno tutti. Questo è il prodotto di una profonda crisi politica-costituzionale, portata alla luce sei anni fa dall’elezione di Trump e di cui anche queste elezioni di medio …

continua a leggere

Elezioni in Israele: tra continuità e cambiamento, sappiamo da che parte stare

Bibi è tornato. Dopo anni di governi deboli e di breve durata, e cinque elezioni negli ultimi quattro anni, quelle di ieri in Israele segnano un cambio di passo e hanno portata storica. Se per diverso tempo ampi strati di popolazione hanno accarezzato la speranza di un Israele senza Netanyahu, anche ma non solo per i suoi problemi giudiziari, questa …

continua a leggere

Mobilitazione in Russia: una prospettiva di sinistra

Traduciamo l’intervista al gruppo russo contro la guerra Nevoina (No alla guerra) pubblicata su Lefteast. L’intervista è stata condotta da una compagna dell’Assemblea permanente contro la guerra che ha partecipato all’ultimo meeting del Transnational Social Strike, coorganizzato con il collettivo LevFem, che si è tenuto a Sofia dall’8 all’11 settembre. Dalle parole di Nevoina emerge come, in un clima già …

continua a leggere