martedì , 18 Giugno 2019
Home » di∫social » Il vizietto della rude razza sindacale

Il vizietto della rude razza sindacale

di CAPRIMULGUS

Rude razza sindacaleI giovani disoccupati italiani hanno nuove speranze. Riccardo Colletti, segretario della Filcte-Cgil di Venezia, sindacato che tiene insieme chimici, tessili e calzaturieri, ha auspicato che dopo i lauti profitti, le imprese calzaturiere locali inizino ad assumere i lavoratori italiani perché gli stranieri sono disperati e ricattabili. Gli stranieri tutt’al più possono trovare posto tra la bassa manovalanza, buona forse per una produzione contraffatta o per le mansioni più stupide e idiote. Al contrario, gli operai italiani che hanno la professionalità nel sangue dovrebbero essere formati per mantenere alta la qualità e la competitività delle aziende locali. Che dentro il movimento operaio e il sindacato italiano alberghi il razzismo non è certo una novità. Tuttavia, nonostante la crisi economica e politica abbia accentuato le forme di discriminazione dentro e fuori i posti di lavoro, il razzismo non ha avuto la diffusione che molti speravano. Il limpido razzismo che propaga dalle dichiarazioni di Colletti mira a ricacciare i migranti alla condizione di uccelli di passaggio che in un momento di crisi economica e politica sono rispediti al mittente. È del resto lo stesso sindacato che, dal primo sciopero nazionale dei migranti contro la legge Bossi-Fini fino alle recenti mobilitazioni nel comparto della logistica, ha disperatamente cercato di allontanare dalla vista il lavoro migrante. Ma i lavoratori migranti, pur essendo sottoposti a normative differenzialiste e al razzismo istituzionale, sono una componente strutturale della classe operaia transnazionale, perciò anche di questo paese.

CaprimulgusÈ noto che tra i chimici veneziani a farla da padrone è sempre stata la destra del sindacato, forse come risposta alle lotte operaie del Petrolchimico di Porto Marghera della fine degli anni Sessanta. Allora il diavolo era rappresentato dai movimenti extraparlamentari e da chi con le sue «idee da cattivo maestro» aveva influenzato la classe operaia. Ne erano nate espulsioni dal sindacato e una lotta senza quartiere contro quella classe operaia che lo aveva tradito. Oggi che i cattivi maestri hanno ormai superato gli ottant’anni e il Petrolchimico è stato spazzato via, grazie anche all’opera di un sindacato collaborazionista, l’opera di divisione e omissione degli interessi operai continua, prendendosela questa volta con i migranti. E pensare che Colletti fa parte di quel sindacato che oltre ad avere migliaia di migranti iscritti, si è presentato come paladino della difesa dell’articolo 18 chiamando tutto il movimento operaio allo sciopero generale contro la legislazione sul lavoro in stile padronale varata dall’attuale governo. Come diceva quel rifugiato tedesco: «il lavoro in pelle bianca non può emanciparsi, in un paese dove viene marchiato a fuoco quando è in pelle nera».

 

Download this article as an e-book

Print Friendly, PDF & Email

leggi anche...

La povertà abusiva. Casa, razza e nazione in Emilia Romagna

In effetti dissociarsi da Elisabetta Gualmini non ha molto senso. Le sue posizioni sono però …