lunedì , 28 Settembre 2020

Ricominciare a sognare: 23 marzo manifestazione generale dei migranti a Bologna!

logomondojpg1Da più di dieci anni noi migranti siamo incatenati dalla legge Bossi-Fini: il nostro permesso di soggiorno dipende dal lavoro e dal reddito, e per mantenere i documenti in regola dobbiamo accettare qualsiasi condizione di lavoro e salario. Se perdiamo il lavoro corriamo il rischio di perdere il permesso, di essere rinchiusi nei CIE o espulsi. Già migliaia di migranti dopo aver costruito la propria vita qui hanno dovuto lasciare il paese perdendo anni di contributi versati. Già migliaia di migranti hanno dovuto separarsi dalle loro famiglie che sono tornate nei paesi di provenienza. I nostri salari sono mangiati dalle tasse e dai versamenti che siamo costretti a pagare alle Poste per rinnovare un permesso che spesso scade dopo pochi mesi. Per chi non ha il permesso di soggiorno è impossibile ottenerlo e ogni sanatoria è solo una nuova truffa. Il diritto d’asilo esiste solo sulla carta e non è garantita nessuna vera accoglienza.

 

Questo è razzismo istituzionale! Questo è sfruttamento!

 

Oggi, però, noi migranti abbiamo ricominciato a sognare. Abbiamo accumulato forza dentro e fuori i posti di lavoro, abbiamo lasciato alle spalle la paura e abbiamo preso parola insieme, donne e uomini. Ora è arrivato il momento di uscire dai luoghi di lavoro, dalle case e dalle comunità per invadere le strade tutti insieme! È arrivato il momento di usare la nostra forza per liberare dal razzismo istituzionale tutti i migranti, in tutte le categorie lavorative e in tutte le condizioni di vita. Sappiamo che non siamo soli, al nostro fianco ci sono i nostri figli che vogliono la cittadinanza per liberarsi dalle catene del permesso di soggiorno. Sappiamo che con noi ci sono operai e precari, donne e uomini: perché sanno che la Bossi-Fini con il suo razzismo è una legge che divide e indebolisce tutti i lavoratori, italiani e migranti.

 

Basta farci dividere dalle leggi! Nessuno risolverà i nostri problemi al posto nostro,

soltanto con la nostra forza possiamo vincere, cancellare la legge Bossi-Fini e conquistare la libertà per tutti i migranti!

 

Vogliamo che il permesso di soggiorno sia garantito a tutti slegato da lavoro e reddito!

Diciamo basta al quotidiano razzismo istituzionale!

Non vogliamo più sanatorie truffa!

Non vogliamo più la farsa dei permessi umanitari e del finto diritto d’asilo!

Vogliamo chiusi per sempre tutti i CIE!

QUESTO È  IL MOMENTO!

BASTA RAZZISMO E SFRUTTAMENTO

 CANCELLIAMO LA BOSSI-FINI!

 

SABATO 23 MARZO – ORE 15

Piazza XX Settembre, Bologna

Noi non ce ne andiamo! Siamo forti, facciamoci vedere e sentire: da tutte le città e tutti i luoghi di lavoro, il 23 marzo riempiamo Bologna!

Prime adesioni (in aggiornamento); per sottoscrivere l’appello: coo.migra.bo@gmail.com

Associazione donne senegalesi Bologna

El-Ihsan, Associazione interculturale Bologna

Associazione dei Peruviani Uniti Bologna (APU)

Laboratorio On the Move

Sportello politico Lavoro Insubordinato

∫connessioni precarie

Migranda

Cross-Point Brescia

Coordinamento Migranti Verona

Spazio sociale autogestito XM24

Coordinamento Provinciale SiCobas Bologna

Confederazione Cobas Bologna

Unione Sindacale Italiana

Lavoratrici e lavoratori anarchici

Partito della Rifondazione Comunista Bologna

Partito della Rifondazione Comunista

Giovani Comunisti/e

Rete Primo Marzo

Zapruder Bologna

Associazione SOKOS

Network Antagonista Piacentino

Scuola d’Italiano Aprimondo

Scuola d’Italiano con migranti XM24

Sportello medico legale Al-Sirat

 

Download this article as an e-book

Print Friendly, PDF & Email

leggi anche...

Niente carezze ai padroni. Lotte delle operaie e sciopero femminista nel tempo pandemico

Intervista a M. ‒ Non Una di Meno Transterritoriale Marche Abbiamo intervistato M., attivista femminista …