giovedì , 25 Aprile 2019
  • Dallo sciopero globale a Verona città transfemminista

    NON UNA DI MENO L’8 marzo lo sciopero femminista ha travolto gli argini del presente. Lo abbiamo costruito, incoraggiato, organizzato e sostenuto costantemente. L’8 marzo è stata l’esplosione dello stato di agitazione permanente che continua e che ha dato vita a una nuova grande giornata di lotta contro la violenza maschile contro le donne e la violenza di genere, praticata a partire dalle diverse posizioni nella produzione e nella riproduzione della società. Lo abbiamo alimentato raccogliendo la forza di un processo globale che amplifica ogni …

    continua a leggere
  • Una metropoli urbana e sociale

  • Non è una carovana di migranti, ma un nuovo movimento sociale che cammina per una vita degna di essere vissuta

  • Il nostro desiderio collettivo di libertà e la loro reazione. Verona 29-31 marzo 2019

    Approfittando impunemente del settantesimo anniversario della Dichiarazione dei diritti dell’ONU, la International Organization of Families (IOF) ha dichiarato: «noi condanniamo il crescente attacco alle famiglie mosso da quella che è stata definita una “rivoluzione sessuale globale” che si maschera sotto il nome di diritti, ma di fatto minaccia i diritti della famiglia e “distrugge la libertà in nome della libertà”». A parlare di «rivoluzione sessuale globale» è stata Gabriele Kuby, sociologa tedesca di fede cattolica nota per aver dibattuto con …

    continua a leggere
  • La non continuità del dominio

  • Nello sciopero imminente e globale

  • Il giaguaro guarda verso est

    di DEVI SACCHETTO Da «Il Manifesto» del 12 ottobre 2018 Sebbene il voto per la Brexit fosse ancora lontano, la Jaguar-Land Rover aveva già deciso di spostare all’estero una parte della sua produzione inglese. Dopo una lunga analisi di fattibilità per valutare logistica, costi ed eventuali finanziamenti, la scelta del gruppo indiano Tata proprietario dei marchi automobilistici inglesi è ricaduta sulla zona industriale di Nitra, una cittadina di 85 mila abitanti a cinquanta chilometri di Bratislava. Lo stabilimento, a tre …

    continua a leggere
  • La fine della Grande Genova nella mutazione logistica

  • I lavoratori in affitto e il difficile governo europeo del salario