mercoledì , 16 Ottobre 2019
  • I roghi neoliberali. Green New Deal e condizione indigena in Bolivia

    di CAMILLA DE AMBROGGI La proposta per un Green New Deal (GND), avanzata a febbraio 2019 dai membri del partito democratico statunitense Alexandria Ocasio-Cortez e Ed Markey, è stata recentemente ripresentata dal candidato democratico Bernie Sanders. Il nuovo piano prevede un investimento di 16.300 miliardi di dollari per raggiungere il 100% di energia sostenibile per l’elettricità e il trasporto entro il 2030 e decarbonizzare completamente l’economia al più tardi entro il 2050. Il primo passo verso questo obbiettivo consisterebbe nel …

    continua a leggere
  • Patriarcato, violenza e dittatura in Turchia

  • Il movimento femminista in Arabia Saudita

  • La metropoli come processo: transizione urbana e produzione di soggettività

    di FELICE MOMETTI Il 10 ottobre il Laboratorio Crash e il Collettivo Universitario Autonomo hanno organizzato alla Facoltà di Filosofia dell’Università di Bologna la presentazione del libro Il campo di battaglia urbano. Trasformazioni e conflitti dentro, contro e oltre la metropoli (Red Star Press 2019). Quello che segue è l’intervento di Felice Mometti che è tra gli autori del testo e che, insieme a Simona De Simoni, Agostino Petrillo e Maurizio Bergamaschi ha preso parte alla presentazione. *** Bisogna innanzitutto ringraziare …

    continua a leggere
  • In mostra la violenza in divisa

  • Macchine urbane. New York tra rendita, finanza e architettura

  • La lotta per la depenalizzazione dell’aborto in Ecuador: organizzare la rabbia, politicizzare la tristezza

    di ALEJANDRA SANTILLANA ORTIZ da Zur – Pueblo del Voces* Pubblichiamo il pezzo scritto da Alejandra Santillana Ortiz ‒ militante femminista, attivista della Marea verde Ecuador, dottoranda in Studi Latinoamericani presso l’Università Autonoma di Città del Messico ‒ all’indomani del voto negativo dato dal parlamento ecuadoriano alla proposta di legge per depenalizzare l’aborto in caso di stupro. Il contributo di Alejandra è importante per due ordini di ragioni. In primo luogo, esso mostra con grande chiarezza il rapporto che esiste tra l’intensificazione …

    continua a leggere
  • Dallo sciopero globale a Verona città transfemminista

  • Una metropoli urbana e sociale

  • Il giaguaro guarda verso est

    di DEVI SACCHETTO Da «Il Manifesto» del 12 ottobre 2018 Sebbene il voto per la Brexit fosse ancora lontano, la Jaguar-Land Rover aveva già deciso di spostare all’estero una parte della sua produzione inglese. Dopo una lunga analisi di fattibilità per valutare logistica, costi ed eventuali finanziamenti, la scelta del gruppo indiano Tata proprietario dei marchi automobilistici inglesi è ricaduta sulla zona industriale di Nitra, una cittadina di 85 mila abitanti a cinquanta chilometri di Bratislava. Lo stabilimento, a tre …

    continua a leggere
  • La fine della Grande Genova nella mutazione logistica

  • I lavoratori in affitto e il difficile governo europeo del salario