giovedì , 24 maggio 2018
  • Interruzione volontaria dell’ordine. Alcune considerazioni sull’aborto

    Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno più di 40 milioni di donne abortiscono. Nella metà dei casi si tratta di aborti clandestini. Prima del viaggio, di fronte alla possibilità – che spesso è quasi una certezza ‒ di essere stuprate, migliaia di donne migranti ricorrono invece alla contraccezione preventiva per evitare di restare incinte. Sono pratiche diverse, ma sono entrambe espressione di un ostinato rifiuto di cedere il dominio sul proprio corpo, della pretesa di essere donne …

    continua a leggere
  • Il linguaggio globale dello sciopero femminista

  • La grande mutazione. Grandi processi globali, piccoli eventi locali

  • Al di fuori dei vincoli del capitale

    di PAOLA RUDAN Una versione breve di questa recensione è stata pubblicata su «Il Manifesto» del 18 maggio 2018. Un nesso storico e politico lega il weberiano «disincantamento del mondo» e la violenza contro le donne. La diffusione e intensificazione di questa violenza può essere considerata la leva di un processo di riorganizzazione dei rapporti sociali capitalistici su scala globale, la pratica che fa brutalmente strada al dominio della tecnica e della razionalizzazione del lavoro che il sociologo tedesco riconosceva, …

    continua a leggere
  • I labirinti dello spazio. Henri Lefebvre tra diritto alla città e ri-produzione metropolitana

  • Georg Simmel, le regole del buon conflitto

  • La povertà abusiva. Casa, razza e nazione in Emilia Romagna

    In effetti dissociarsi da Elisabetta Gualmini non ha molto senso. Le sue posizioni sono però un’espressione di quel razzismo democratico che ha segnato il tristo tramonto politico del PD e che evidentemente non è ancora sazio di se stesso. Leggiamo sulle pagine dei quotidiani locali bolognesi che la vice-presidente della Regione Emilia-Romagna vorrebbe introdurre una nuova misura per combattere il fenomeno dell’abusivismo nell’accesso all’edilizia popolare. Non potendo invocare una qualche – ennesima – emergenza cui sarebbe obbligatorio far fronte, il …

    continua a leggere
  • Affinità divergenti tra il compagno Bezos, il compagno Gentiloni e noi

  • Minniti e il Daspo democratico

  • Insicurezza e frammentazione nel lavoro contemporaneo

    di DEVI SACCHETTO Pubblichiamo la postfazione a Figure del lavoro contemporaneo. Un’inchiesta sui nuovi regimi della produzione, a cura di Carlotta Benvegnù e Francesco M. Iannuzzi, appena uscito per la casa editrice ombre corte. *** Questo volume nasce grazie alla passione di giovani ricercatori e ricercatrici per la ricerca empirica e il dibattito pubblico. I saggi sono il risultato della loro discesa nei laboratori della produzione dei quali essi hanno sviluppato un’ampia conoscenza grazie sia alla capacità di padroneggiare adeguate …

    continua a leggere
  • La «via polare» cinese e gli inediti vincoli dello sfruttamento

  • Rifugiati, migranti e mercato del lavoro nell’Unione Europea. Alcune note

  • La produzione dello spazio urbano in tempo di crisi

    di FELICE MOMETTI Questo è uno dei testi introduttivi all’ebook Città, spazi abbandonati, autogestione, curato dalla redazione di Infoaut sulla base del convegno organizzato il 3 ottobre 2017 a Bologna dal Laboratorio Crash. *** La metropoli non si fotografa, non si fa fotografare. Si può percorrere e attraversare in un movimento continuo alla ricerca dei punti di crisi e delle fratture nella valorizzazione capitalistica dello spazio urbano. Non si fa fotografare perché è allo stesso tempo un laboratorio della produzione …

    continua a leggere
  • Svezia: lo sciopero sociale dei migranti lungo un mese

  • L’effetto contagio dei movimenti urbani globali. Intervista a David Harvey