giovedì , 15 novembre 2018
  • Il governo degli equivoci, la giustizia proprietaria e il popolo sovrano

    La situazione è disordinata, ma non è affatto eccellente. Diverse pretese di governo si rincorrono, si confrontano e si scontrano e nessuna è particolarmente allettante. La governance europea ha trovato occasionalmente il suo rappresentante nel Presidente della repubblica. Questi ne ha affermato la legittimità utilizzando una costituzione che, sebbene con l’introduzione del pareggio di bilancio sia stata modificata proprio per adeguarla a quella governance, mostra di essere uno strumento insufficiente e datato. Dall’altra parte, contro questo blocco di potere viene …

    continua a leggere
  • Interruzione volontaria dell’ordine. Alcune considerazioni sull’aborto

  • Il linguaggio globale dello sciopero femminista

  • Il giaguaro guarda verso est

    di DEVI SACCHETTO Da «Il Manifesto» del 12 ottobre 2018 Sebbene il voto per la Brexit fosse ancora lontano, la Jaguar-Land Rover aveva già deciso di spostare all’estero una parte della sua produzione inglese. Dopo una lunga analisi di fattibilità per valutare logistica, costi ed eventuali finanziamenti, la scelta del gruppo indiano Tata proprietario dei marchi automobilistici inglesi è ricaduta sulla zona industriale di Nitra, una cittadina di 85 mila abitanti a cinquanta chilometri di Bratislava. Lo stabilimento, a tre …

    continua a leggere
  • La fine della Grande Genova nella mutazione logistica

  • I lavoratori in affitto e il difficile governo europeo del salario

  • L’urlo di terrore del povero Pillon di fronte alla libertà delle donne

    Il disegno di legge in materia di «affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità» è un disegno reazionario. Ciò non dipende dalla conclamata passione per il passato e la sua rigida disciplina sessuale che anima il suo principale estensore, il fanatico senatore leghista Simone Pillon. La proposta che porta il suo nome è reazionaria perché reagisce a uno dei più eclatanti e incontrovertibili effetti della libertà delle donne. La morte della famiglia non è ancora un fatto compiuto, ma …

    continua a leggere
  • Assemblaggi post-metropolitani

  • Ragazze ribelli che non si adeguano. Un’intervista a Rita Segato

  • La povertà abusiva. Casa, razza e nazione in Emilia Romagna

    In effetti dissociarsi da Elisabetta Gualmini non ha molto senso. Le sue posizioni sono però un’espressione di quel razzismo democratico che ha segnato il tristo tramonto politico del PD e che evidentemente non è ancora sazio di se stesso. Leggiamo sulle pagine dei quotidiani locali bolognesi che la vice-presidente della Regione Emilia-Romagna vorrebbe introdurre una nuova misura per combattere il fenomeno dell’abusivismo nell’accesso all’edilizia popolare. Non potendo invocare una qualche – ennesima – emergenza cui sarebbe obbligatorio far fronte, il …

    continua a leggere
  • Affinità divergenti tra il compagno Bezos, il compagno Gentiloni e noi

  • Minniti e il Daspo democratico